Taglio dei tassi: effetti sulla borsa e non solo

Taglio dei tassi: effetti sulla borsa e non solo

Taglio dei tassi: effetti sulla borsa e non solo

I dati registrati in Borsa sul rallentamento economico mondiale e nella zona euro hanno spinto negli ultimi mesi a considerare una serie di soluzioni. In particolare Mario Draghi, in occasione del Forum BCE di Sintra, ha espresso la necessità di correre ai ripari con tutti gli strumenti possibili.

Il presidente uscente della BCE, Mario Draghi, ha avanzato l’ipotesi di un taglio dei tassi d’ interesse per sostenere l’economia europea. Il tutto va considerato anche alla vigilia della nuova nomina a presidente della BCE dell’ex ministro francese Christine Lagarde.

Di conseguenza si respira un’aria di attesa per il mercato europeo, oltre alle reazioni non positive da parte dell’America di Trump.

Aumentano le probabilità di taglio e l’attesa in Borsa

E’ sempre più probabile che, nel corso della riunione della BCE programmata per fine luglio, si proceda con un taglio al costo del denaro. Mario Draghi ha più volte sottolineato che se non si verificano segnali di ripresa dell’economia europea, sul fronte dell’inflazione, si deve procedere.

Gli operatori in Borsa si preparano a questa possibilità di taglio che ormai è data al 50%. La probabilità di taglio è considerata ancora più certa entro il mese di settembre.

Ora si dovrà attendere cosa succederà, anche in relazione alla nomina del nuovo presidente della BCE, la francese Christine Lagarde. Questa, a partire dal 31 ottobre 2019, dovrà gestire la pesante eredità lasciata da Mario Draghi.

Da capire è se Draghi deciderà di attuare il taglio dei tassi, prima di lasciare la presidenza, e se Lagarde ha intenzione di condividere la linea di politica economica di Draghi.

La reazione di Trump sul taglio dei tassi europeo

Un’ipotesi di taglio ai tassi d’interesse in zona euro non poteva essere ignorata dall’America. Subito dopo le dichiarazioni di Mario Draghi a Sintra, il presidente degli Stati Uniti Trump non tarda a comunicare la sua disapprovazione.

In perfetto stile Trump, arriva, infatti, una comunicazione via twitter. Nel messaggio, il presidente americano sottolinea come la Borsa europea ha registrato segnali positivi solo dopo le dichiarazioni poco felici di Draghi nei confronti dell’America. Infatti per Trump la manovra di taglio europeo è un modo per competere in maniera più facile con il dollaro, attuando però una concorrenza sleale.

Non resta che aspettare per avere maggiore chiarezza sulla vicenda nei prossimi mesi.  Fondamentale è quindi la riunione della BCE alla fine di luglio e l’insediamento del nuovo presidente della BCE da novembre.

Comments are closed.